La lavorazione a lume è una tecnica di lavorazione del vetro che avviene attraverso l’utilizzo di una fiamma diretta. Deve il suo nome al fatto che un tempo veniva utilizzato un vero e proprio lume ad olio la cui fiamma era mantenuta viva dal soffio di un mantice. Intorno al 1840 l’olio fu sostituito dall’utilizzo di gas metano o propano, per una lavorazione più agevole e veloce. Al giorno d’oggi gli artisti artigiani di perle di vetro si servono di un apposito cannello ad ossigeno, cioè un cannello che miscela il gas con ossigeno puro fornito da bombole o da un’apposita macchina, il concentratore.

Per la lavorazione a lume si usano bacchette di vetro prodotte da apposite ditte e disponibili in tantissime gradazioni di colori diversi. Grazie al calore sprigionato dalla fiamma del cannello, che raggiunge i 900°, temperatura in cui il vetro passa dallo stato solido allo stato malleabile, le bacchette vengono sciolte e colate su un bastoncino in acciaio rivestito di materiale refrattario, tenuto in costante movimento rotatorio. La forza di gravità fa sì che il vetro avvolto attorno al supporto in movimento prenda naturalmente la forma di una sfera, originando così la forma base della perla di vetro.

Dalla forma della sfera se ne possono ottenere infinite altre, semplicemente sfruttando la forza di gravità o modellando il vetro con appositi strumenti.

Se si fa rotolare il vetro ancora malleabile premendo delicatamente su una superficie piatta, si ottiene la forma di un cilindro; se il ripiano utilizzato non è piatto ma presenta delle scanalature, queste creeranno dei rilievi e delle profondità sulla superficie della perla. Inclinando il bastoncino di acciaio sul ripiano, si può modellare la sfera iniziale ottenendo forme più complesse, romboidali, ovali o a tronco di cono.

Se si interrompe il movimento rotatorio del supporto d’acciaio, il vetro cola verso il basso e si possono così ottenere delle forme allungate, mentre se si effettua il movimento rotatorio in modo non costante, si ottengono forme irregolari e casuali.

Le tecniche di decorazione delle perle di vetro a lume sono innumerevoli, e ciascun maestro conosce effetti e particolari diversi. Tra le tecniche più semplici, ricordiamo la decorazione della superficie con punti e linee, la distorsione delle decorazioni, la modellazione della perla sommersa e incamiciata, l’utilizzo della foglia d’oro e d’argento.

La combinazione delle tecniche, la fantasia e la creatività degli artisti artigiani contemporanei creano ogni giorno un’infinita varietà di soluzioni diverse, arricchendo le possibilità espressive e il fascino di un’arte secolare.

FacebookTwitterGoogle+Pinterest